La Commissione UE boccia la ciclovia della Lecciona in area protetta

Lecciona

“In risposta alla mia interrogazione sul progetto del passaggio di un tratto della ciclovia tirrenica nell’area protetta della Lecciona, la Commissione europea ribadisce la responsabilità delle autorità italiane, che avrebbero dovuto tener conto delle direttive ambientali prima di approvare il progetto”, dichiara Eleonora Evi, eurodeputata e co-portavoce nazionale di Europa Verde.

“L’area di riferimento, – prosegue Evi, – è caratterizzata da un raro ecosistema dunale ed è designata come Zona di Protezione Speciale (ZPS) e Zona Speciale di Conservazione (ZSC). Pertanto questo scellerato progetto avrebbe un fortissimo impatto sulla vegetazione e sull’avifauna della riserva, in deroga agli standard europei previsti dalle direttive Habitat e Uccelli. Per queste ragioni, accogliendo le istanze di Europa Verde Toscana e dei cittadini del territorio, ho chiesto alla Commissione di far luce sulla possibile violazione delle direttive europee in materia. Considerato che il progetto gode del sostegno del Fondo europeo di sviluppo regionale, la Commissione europea conferma che le autorità italiane devono fare massima attenzione affinché siano osservati tutti i requisiti di protezione ambientale pertinenti.

“Troviamo lo sviluppo di una pista ciclabile all’interno della Riserva della Lecciona ingiustificato e ribadiamo con forza la necessità di sfruttare il percorso parallelo esistente, ovvero Viale dei Tigli, che può essere parte del tracciato della pista ciclabile tirrenica, un progetto meraviglioso di mobilità dolce e sostenibile”, aggiunge Eros Tetti, portavoce di Europa Verde Toscana.

“Chiedo che il Governo italiano, alla luce della risposta della Commissione europea, annulli lo sviluppo di una pista ciclabile che rischierebbe di compromettere un ecosistema già molto fragile, e che proceda con l’inclusione del tratto parallelo del Viale dei Tigli nella ciclovia tirrenica, come già proposto da noi di Europa Verde e dagli stessi cittadini”, conclude Eleonora Evi.