IDAHOBIT. Ancora molto da fare, bisogna lavorare sui luoghi di inclusione

IDAHOBIT

“Si celebra oggi la Giornata internazionale contro l’omofobia, la lesbofobia, la bifobia e la transfobia (IDAHOBIT), indetta con una risoluzione dal Parlamento Europeo nel 2007, in ricordo del giorno in cui l’OMS depennò l’omosessualità dall’elenco delle malattie mentali. Questa giornata ci impone di ricordare che da allora, in molti Paesi, sono stati fatti grandi passi avanti nella strada dei diritti ma rimane ancora molto da fare sull’uguaglianza e la tutela dei diritti delle persone LGBT+”.

Così, in una nota, i co-portavoce nazionali di Europa Verde, Angelo Bonelli ed Eleonora Evi, a cui si uniscono i deputati della componente Europa Verde-Verdi Europei alla Camera dei Deputati.

“Come Europa Verde, – proseguono gli ecologisti, – crediamo che, quando le tutele aumentano, aumentino per tutti e per questo lavoriamo nelle istituzioni affinché si consolidi e allarghi la sfera dei diritti sociali e civili, che promuova e tuteli le persone e le comunità più esposte all’odio e alla persecuzione criminale e violenta. È un lavoro faticoso, – concludono Bonelli, Evi e i deputati della componente parlamentare, – certamente da portare avanti insieme agli altri Paesi europei, a partire proprio dalle aule scolastiche, luoghi che hanno fatto dell’inclusione il proprio cavallo di battaglia e delle differenze motivo di arricchimento per tutta la comunità”.