DL Concorrenza. Imbarazzante l’innalzamento dei limiti elettromagnetici

elettromagnetici

“È imbarazzante constatare come, nel Decreto Concorrenza in discussione al Senato, siano stati presentati una serie di emendamenti, che, nell’ottica di semplificare ulteriormente le procedure di autorizzazione e installazione degli impianti di telefonia mobile, aumentano i limiti elettromagnetici di 10 volte, smantellano il ruolo dei Comuni e il sistema di tutele a difesa della salute contro l’inquinamento elettromagnetico”.

Così, in una nota, Angelo Bonelli ed Eleonora Evi, co-portavoce nazionali di Europa Verde, che proseguono: “La soppressione della competenza, attribuita ai Comuni, di minimizzare l’esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici, unita all’innalzamento dei limiti elettromagnetici da 6 V/n fino al valore di 61 V/m, espone la popolazione all’inquinamento elettromagnetico seppellendo definitivamente il principio di precauzione e da una strategia di prevenzione del rischio per la salute umana”.

“Riteniamo che, al contrario, sia necessario rafforzare il ruolo degli enti locali, i più attenti alla salute dei cittadini e alla tutela delle fasce sensibili della popolazione. E con questa finalità, chiediamo alla Commissione Industria e, successivamente, all’Aula del Senato di intervenire per cancellare le proposte emendative in questione, nella certezza che, qualora dovessero arrivare alla Camera dei Deputati, saremo pronti a dare battaglia”, concludono Bonelli ed Evi.