Inaccettabile che McKinsey possa scrivere il Piano di ripresa

McKinsey

Perché il Premier Draghi ha dato mandato alla multinazionale americana McKinsey di scrivere, per conto del Governo italiano, il Recovery Plan? Perché dentro il MEF e in altri ministeri non ci sono professionalità tecniche adeguate alla stesura di un piano strategico che dovrà cambiare il futuro del nostro Paese?

Ricordo che il 3 febbraio scorso McKinsey ha patteggiato il pagamento di 573 milioni di dollari a 47 Stati USA per il ruolo avuto nel promuovere le vendite degli antidolorifici oppiacei OxyContin della Purdue Pharmas che secondo un’indagine federale aveva creato gravissimi danni alla popolazione americana.

Trovo inaccettabile che la multinazionale americana McKinsey possa scrivere il Recovery plan e occuparsi di transizione ecologica e integrazione sociale quando, nelle sue consulenze, ha sempre teorizzato il licenziamento come una pratica da adottare anche in fasi di espansione economica pur di aumentare i profitti. Auspico che il parlamento italiano non si faccia commissariare da una multinazionale americana e sappia valorizzare le ottime professionalità presenti nella Pubblica Amministrazione.

Angelo Bonelli