fbpx

È urgente una Direttiva europea contro la violenza sulle donne

donne

L’aumento drammaticamente esponenziale della violenza sulle donne in ogni angolo d’Europa è l’ennesimo effetto della pandemia di Covid-19: ciò richiede che, oggi più che mai e a partire da questa particolare Giornata internazionale della donna, si continui a lottare per la parità di genere e contro ogni violenza, per sopperire al prezzo altissimo che le donne stanno pagando anche sul fronte occupazionale.

A maggio scorso, abbiamo condiviso e sostenuto l’appello Half of it con cui l’eurodeputata dei Verdi Alexandra Geese ha chiesto che metà dei fondi stanziati per il Recovery Fund fosse destinata alle donne. Oggi alziamo il tiro chiedendo, con una petizione lanciata a livello europeo, che le parole di tanta politica contro la violenza sulle donne si concretizzino in un’apposita Direttiva UE con cui si obblighino gli Stati membri a porvi fine.

La pandemia sta vedendo le donne impegnate su innumerevoli fronti e nei settori determinanti della cura e dell’assistenza: quella che anche il nostro Pianeta necessita affinché si compia la transizione ecologica che in molti oggi auspichiamo. Riteniamo quindi di fondamentale importanza che l’Italia e l’Europa compiano quel passo di qualità che le porti a valorizzare l’intelligenza, le competenze e la partecipazione delle donne, nel mondo del lavoro quanto nella politica.

Elena Grandi e Luana Zanella