Governo Draghi. Ci sarà molto da lavorare per il Green Deal

Governo Draghi

Auguriamo buon lavoro al primo ministro Draghi, alle Ministre (ci sarebbe piaciuto fossero più numerose) e ai Ministri.

Il Paese ha davanti sfide importantissime che richiederanno capacità decisionale, visione, coesione, volontà di cambiamento. Siamo in grande ritardo nella preparazione del piano per il Next Generation EU e da qui dobbiamo partire: dai 69 miliardi che non corrispondono neanche lontanamente a quel 37% fissato dall’Europa come quota minima per il Green Deal europeo.

Quello verso il Green Deal è un impegno che dovrà vedere coinvolti molti ministeri oltre a quello, da noi Verdi molto ben accolto, della Transizione ecologica. Non ci sarà transizione se non interverremo sul sistema del trasporto pubblico locale e su ferro, se non sapremo dare una svolta alla nostra agricoltura e all’allevamento intensivo, se non sapremo sviluppare un turismo più lento e consapevole, se non valorizzeremo la nostra storia e il nostro patrimonio d’arte, se non assicureremo alle città gli strumenti non solo economici, ma anche normativi per attuare riforme. Ci sarà da lavorare moltissimo e per questo il nostro augurio è tanto più vivo.

Elena Grandi e Matteo Badiali

Lascia un commento