I vaccini siano liberi per tutti. Basta esclusiva e speculazione

vaccini

La speculazione che le multinazionali farmaceutiche stanno facendo sui vaccini è inaccettabile e vergognosa. Va richiesta immediatamente dall’UE e dall’Italia l’applicazione dell’accordo sulla proprietà intellettuale dei farmaci.

Sottoscritto dall’Organizzazione mondiale del commercio nel 2001, ratificato dall’UE nel 2007 e poi modificato nel 2017, questo accordo prevede che in casi di emergenza nazionale – e in questo caso parliamo addirittura di pandemia globale – si possano sospendere i brevetti per i farmaci salvavita e consentirne la produzione come farmaci generici prodotti anche da altri.

Nel 2001 l’alto costo dei farmaci antiretrovirali per persone affette da HIV (10.000 dollari a persona) portò a una forte mobilitazione, ottenendo l’applicazione della clausola succitata, con il risultato che il costo dei farmaci antiretrovirali si abbassò a 70 dollari e 26 milioni di persone poterono accedere alle cure, avendo salva la vita.

Oggi ci troviamo di fronte a una vergognosa speculazione e per questo chiediamo al Ministro Speranza di reclamare l’applicazione della suddetta clausola per consentire di produrre vaccini da subito anche in Italia.

Il nostro pensiero corre anche all’Africa, abbandonata da Big Pharma che invece pensa ad aumentare gli utili attraverso la crescita vertiginosa delle quotazioni in borsa.

I vaccini devono essere per tutti. Fermiamo immediatamente questa speculazione!

Angelo Bonelli