Record di decessi e Natale di sacrifici ma per qualcuno la caccia è più importante

Caccia

Di fronte ai tanti decessi di questi ultimi giorni e alle famiglie separate anche durante le festività natalizie, che il primo pensiero di qualcuno possa essere la riapertura della stagione venatoria col passaggio da regione rossa a regione arancione è semplicemente paradossale.

E che qualcuno, come il consigliere di Fratelli d’Italia e vicepresidente della Commissione Ambiente in Regione Toscana Alessandro Capecchi, pensi di poterne addirittura derogare i termini per recuperare il tempo perso, suona quasi come un affronto verso tutti coloro che stanno vivendo un grave momento di difficoltà.

Non comprendiamo, di fronte alla realtà degli ultimi 9 mesi, quale possa essere la ratio della richiesta di Capecchi. Ci domandiamo, inoltre, se non fosse più giusto e più utile che, da Consigliere regionale concentrasse le sue energie verso la risoluzione delle problematiche di chi è stato maggiormente danneggiato dalla pandemia o verso chi svolge attività primarie a servizio della cittadinanza.

Ci auguriamo che il presidente Giani rifiuti categoricamente di accogliere questa richiesta: sparare agli animali non può essere definita una priorità in questo particolare momento storico.

Francesco Alemanni