Inquinamento. I cieli azzurri diventano grigi

inquinamento

Il Covid-19 ha ucciso centinaia di migliaia di persone e decimato le economie di tutto il mondo. Ma cos? come ? diminuito il PIL, allo stesso modo ? diminuito anche l’inquinamento atmosferico. Questa primavera, per esempio, ? stata la prima dopo decenni in cui gli abitanti di Jalandhar, nel nord dell’India, hanno potuto godere della vista delle montagne innevate dell’Himalaya, a 160 km di distanza.

Un inquinante particolarmente comune ? il biossido di azoto (NO2). L’Organizzazione Mondiale della Sanit? (OMS) ritiene che i livelli di NO2 superiori a 40 microgrammi in ogni metro cubo d’aria (40?g/m3) siano nocivi per le persone. A Delhi, una delle grandi citt? pi? inquinate del mondo, l’NO2 ? sceso drasticamente dopo che la citt? ha imposto il suo blocco, da 46?g/m3 a marzo a 17?g/m3 all’inizio di aprile. Analogamente, i livelli di NO2 a Londra sono scesi da 36?g/m3 a marzo a 24?g/m3 due settimane dopo.

I livelli di inquinamento dell’aria non dipendono dalle sole condizioni atmosferiche, come la velocit? del vento, le precipitazioni e l’umidit? dell’aria. Il Centro di ricerca sull’energia e l’aria pulita (CREA), un think-tank, ha prodotto un modello che tiene conto di questi fattori per valutare l’impatto che il Covid-19 ha avuto sui livelli di inquinamento dell’aria in 12 grandi citt? del mondo. Si ? scoperto che i livelli di NO2 sono diminuiti di circa il 27% dieci giorni dopo che i governi hanno imposto i lockdown, rispetto allo stesso periodo del 2017-19. I livelli di particolato di meno di 2,5 micrometri di larghezza (PM2,5), anch’essi nocivi per la salute, sono diminuiti in media di circa il 5% nel gruppo delle 12 grandi citt? oggetto di studio.

I benefici per la salute derivanti da un’aria pi? pulita sono profondi. Qualcuno ritiene che circa il 90% della popolazione mondiale viva in luoghi in cui la qualit? dell’aria ? inferiore agli standard. Si stima che, solo nel 2016, 4,2 milioni di persone siano morte prematuramente a causa di malattie legate all’inquinamento atmosferico, come le infezioni delle vie respiratorie e il cancro ai polmoni. Di questi, 290.000 sono bambini. Altri milioni di persone soffrono di problemi di salute cronici.

Secondo le stime di CREA, il miglioramento della qualit? dell’aria dall’inizio della pandemia di Covid-19 ha salvato circa 15.000 vite in 12 grandi citt?.

A Delhi, circa 4.600 persone sono scampate alla morte da inquinamento dell’aria: quasi lo stesso numero di quelle che sono morte a causa del Covid-19, anche se il vero conteggio della malattia ? probabilmente pi? alto e ancora in aumento.

Mentre le persone tornano dalle vacanze estive nell’emisfero nord e le economie cominciano a riprendersi, l’inquinamento atmosferico si sta avvicinando ai livelli pre-pandemici. Sebbene la gente sia ancora diffidente nell’uso dei trasporti pubblici, sembra avere meno riserve sulla guida delle auto: i dati di TomTom, un’azienda di tecnologia di localizzazione, mostrano che la congestione nelle grandi citt? ? quasi tornata ai livelli pre-Covid.

Questo aumento dell’inquinamento sar? mortale, soprattutto per coloro che soffrono di asma grave, che sono anche vulnerabili al Covid-19.

Da un articolo di The Economist