fbpx

Contro la violenza sulle donne, serve contrastare il gender pay gap

violenza sulle donne

La violenza sulle donne continua a crescere, pi? contagiosa del coronavirus ma nella totale indifferenza da parte delle Istituzioni.

Roma, Firenze, Palermo, Ancona, Bologna, Cagliari: da nord a sud, l?inaugurazione dell?anno giudiziario dipinge un quadro estremamente allarmante per quanto riguarda i delitti perpetrati a scapito delle donne, sottolineando la forte incidenza di violenze intrafamiliari, ovvero nei confronti del partner.

L?escalation registrata nell?ultimo anno mette ancora una volta in evidenza che affrontare il fenomeno solo con logiche repressivo-punitive non ? abbastanza, bisogna lavorare sulla sensibilizzazione e su una svolta culturale, promuovendo iniziative all?interno delle scuole.

? necessario mettere al bando l?idea del corpo femminile come oggetto su cui sfogare rabbia e frustrazione, lavorando per garantire alle donne la propria indipendenza.

Nel corso della settimana scorsa, il Parlamento Europeo ha votato una risoluzione con cui ha chiesto alla Commissione misure vincolanti per contrastare il divario salariale di genere: l?Italia anticipi l?eventuale imposizione, facendo s? che l?autonomia finanziaria renda pi? facile, per le donne, sottrarsi alle relazioni violente.

Nel nostro Paese, c?? ancora una cultura fortemente maschilista e discriminatoria: lo dimostra il fatto che la proposta del Parlamento europeo ha messo d’accordo tutte le forze politiche a eccezione della Lega i cui rappresentanti hanno espresso voto contrario. In particolare, gli eurodeputati leghisti hanno affermato che il divario di genere non pu? essere colmato con l?intervento della Commissione europea sui salari. Di fatto, per?, hanno votato contro un legittimo diritto delle donne – quello a guadagnare quanto i colleghi uomini – e alzato, cos?, l’ennesima barriera al concreto raggiungimento della parit? di genere.

Non ? pi? possibile stare a guardare, all’Italia servono norme obbligatorie ed efficaci che vadano finalmente al di l? delle promesse. Anche in questo sta la discontinuit