Perch? a Ursula Von der Leyen diciamo no

Senza sorprese, la mediocre performance di Ursula Von der Leyen davanti al gruppo dei Verdi/ALE al Parlamento Europeo ha portato il gruppo a decidere di votare contro la sua candidatura alla presidenza della Commissione Europea. Se eletta, questa Presidente sar? purtroppo nelle mani del Consiglio e in particolare dei suoi Stati pi? forti.

Le considerazioni di Ska Keller, co-presidente di Greens/EFA

Le dichiarazioni della Von der Leyen sono state deludenti. Non abbiamo ascoltato alcuna proposta concreta, che si tratti dello Stato di diritto o del clima. Siamo stati eletti per il cambiamento e non vediamo come questo sia possibile con questa Presidente.

Il Presidente della Commissione europea deve essere il custode dello Stato di diritto e dei valori europei. Ursula Von der Leyen ha eluso le nostre domande sullo Stato di diritto e la democrazia in Europa. Si tratta di una grave lacuna in una delle principali questioni che l’UE si trova ad affrontare.

Le parole di Philippe Lamberts, presidente del gruppo Verde/EFA

Solo poche settimane dopo le elezioni climatiche, la Von der Leyen sta gi? ignorando l’emergenza climatica e ha intenzione di puntare a obiettivi climatici pi? bassi di quelli precedentemente concordati dal Parlamento europeo. Semplicemente, non ? un presidente della Commissione che il gruppo dei Verdi/ALE pu? sostenere.

Insistiamo sul fatto che gli elettori meritano un processo democratico e trasparente quando si tratta della scelta del Presidente della Commissione. Il processo di candidatura principale non ? stato rispettato, il che ? un tradimento dell’elettorato europeo.

?Il video completo dell’audizione a Ursula Von der Leyen