La posizione di Cingolani sul Nucleare è irresponsabile e contro gli interessi dell’Italia

nucleare

“Pur avendo escluso il ritorno dell’Italia all’energia nucleare, il Ministro Cingolani insiste comunque con il suo tentativo disperato e irresponsabile di aiutare la Francia a inserirlo nella Tassonomia Verde dell’UE, contro gli interessi del nostro Paese. Dando agli Stati membri un’idea di quali possano essere i migliori settori su cui investire per il futuro, è indispensabile che gas e nucleare ne restino, invece, fuori, così da favorire lo sviluppo delle rinnovabili. Ogni euro investito in gas e nucleare, è un euro sottratto alla transizione ecologica e alle energie pulite”.

Così, in una nota, i co-portavoce nazionali di Europa Verde, Angelo Bonelli ed Eleonora Evi, che aggiungono: “Duole ricordare per l’ennesima volta che non esiste ancora una soluzione efficace, sicura e definitiva per lo smaltimento delle scorie nucleari: inserire questa fonte energetica in tassonomia sarebbe un’ipoteca inaccettabile sul futuro e sulle giovani generazioni e violerebbe il principio basilare di non arrecare danno all’ambiente, senza considerare i costi enormi che la realizzazione di centrali comporta. Un esempio su tutti è la centrale di III generazione di Flamanville, in Normandia, la cui messa in funzione, inizialmente prevista per il 2014, avverrà presumibilmente nel 2023, con un costo lievitato a 19 miliardi di euro dai 5 miliardi iniziali”.

“Condividiamo le conclusioni del gruppo europeo di esperti di finanza verde che bocciano senza remore l’introduzione di gas e nucleare in tassonomia, in quanto la ricaduta di una simile decisione sul mercato finanziario sarebbe devastante rispetto agli obiettivi del Green Deal. Al contrario, è necessario circoscrivere il più possibile gli investimenti verdi, – concludono Bonelli ed Evi, – in modo da orientare il mercato verso investimenti a prova di futuro, come le fonti rinnovabili, l’economia circolare e la riduzione delle emissioni: sono queste le stelle polari della transizione ecologica”.