Lo smog ? gi? causa di un grave problema sanitario

Smog

? importante che il presidente dell?Istituto Superiore di Sanit? Silvio Brusaferro e il presidente del Consiglio Superiore di Sanit? abbiano dichiarato come sia necessario approfondire la relazione tra la diffusione del virus, la sua letalit? nella popolazione e l?inquinamento atmosferico, considerati i numerosi studi scientifici, non ultimo quello dell?Universit? di Harward.

Purtroppo c?? un dato che inspiegabilmente non desta scalpore e indignazione: sono i 75.000 decessi l?anno che, secondo il rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, si registrano in Italia a causa dello smog. Parliamo di 58.600 morti premature per polveri sottili, 14.600 per biossido di azoto e 3.000 per l?ozono.

? dimostrato scientificamente che biossido di azoto e particolato hanno reso pi? vulnerabili le vie respiratorie di una parte consistente della nostra popolazione. Ed ? noto che il danno economico causato dall?inquinamento oscilla tra un minimo di 47 miliardi di euro l?anno e un massimo di 142 per l’Italia, mentre a livello europeo si aggira tra i 330 miliardi fino a un massimo di 940.
In sintesi, in 10 anni, in Italia, l?inquinamento ha stroncato 750 mila vite umane con un danno economico minimo pari a 470 miliardi di euro: ? bene sottolinearlo perch?, se da un lato ? necessario approfondire scientificamente la relazione tra letalit? del coronavirus e inquinamento, sappiamo gi? che lo smog ? causa di un grave problema sanitario, per nulla affrontato, come invece i tragici numeri dei decessi ci indicherebbero di fare attraverso un cambio forte nella mobilit?, nel modo di produrre e nelle scelte economiche.
Perch? tutto ci? non porta ad una forte mobilitazione delle istituzioni?
Angelo Bonelli