Manovra. Bene misure espansive. Si colleghino a Green Deal

manovra

L’intesa raggiunta nella notte in CdM ci consegna quella che si profila come una super manovra, con investimenti in sanità, scuola, sostegno alle imprese, alleggerimento del fisco. Ci auguriamo che, come indicato dalla Presidente della Commissione UE, Ursula von der Leyen, nel discorso sullo stato dell’Unione, almeno il 37% di questi fondi venga utilizzato per fronteggiare un’altra crisi che si affaccia all’orizzonte: quella climatica e ambientale.

Benché soddisfatti della conferma dei fondi per l’efficientamento energetico degli edifici (Bonus 110%) e per la Transizione 4.0, sono molti i punti della manovra finanziaria che dovranno essere resi più ‘green’ attraverso criteri di sostenibilità ambientale e aprendo così le porte a una grande stagione di rinnovamento. Sono moltissimi, infatti, gli studi di settore che indicano la Green Economy e l’innovazione tecnologica come un volano per la crescita economica e occupazionale. Secondo la Relazione sullo Stato della Green Economy del 2018, investendo in media tra i 7 e gli 8 miliardi di euro l’anno, in cinque anni, lo Stato potrebbe generare 21,4 miliardi di euro di investimenti privati annui con una media di 440 mila nuovi posti di lavoro green all’anno, oltre 660 mila considerando l’indotto. Abbiamo davanti la possibilità di trasformare una crisi in una grande opportunità: non ci è più consentito fallire.

Lascia un commento